Uno studio condotto dall’università di Greifswald, in Germania, ci aiuta a fare chiarezza su quale sia lo strumento migliore per il mantenimento del tuo sorriso.

L’avvento degli spazzolini elettrici, ha portato sempre più persone a porsi il dubbio su quale sia il miglior metodo di spazzolamento da utilizzare per la propria igiene orale quotidiana. 

Lo studio osservazionale condotto dal dr. Vinay Pitchika, con il coinvolgimento di 2819 persone affette da malattia parodontale, che quindi necessitano di una accurata igiene orale quotidiana, ci aiuta a valutare le differenze tra i due tipi di spazzolini.

Negli 11 anni presi in esame, si è notato come i pazienti che usavano lo spazzolino elettrico, dimostravano una perdita minore di denti, rispetto a chi usava lo spazzolino manuale. 

Addirittura nelle forme più lievi di parodontite, l’uso dello spazzolino elettrico si è dimostrato un potente aiuto nel diminuire gli effetti della malattia, soprattutto nel mantenere un controllo di placca, tale da permettere una guarigione migliore delle tasche parodontali, risultate meno profonde.

A leggerla cosi sembrerebbe tutto molto bello, una persona che soffre di malattia parodontale, compra lo spazzolino elettrico e ha risolto ogni suo problema…. Ma purtroppo non è cosi, nei casi di parodontite grave, i dati non hanno evidenziato dei miglioramenti altrettanto incoraggianti, tra i due spazzolini.

Oltre a questa, altre ricerche scientifiche hanno confermato come lo spazzolino elettrico, nella popolazione in generale, diminuisca del 17% l’accumulo di placca batterica rispetto allo spazzolino manuale.

Quindi fino a qui tutti i dati confermano come lo spazzolino elettrico, deve essere considerato un aiuto nel ridurre l’accumulo di placca batterica, e di conseguenza un aiuto a prevenire le malattie gengivali.

Non è stata riscontrata alcuna differenza invece, nella prevenzione di carie, tra chi usava uno spazzolino manuale o elettrico.

 Sappiamo come il modo più efficace per prevenire l’avanzamento delle malattie parodontali, cosi come della carie, è il limitare (non si può eliminare) la presenza di placca batterica nella nostra bocca, e lo spazzolino in generale, è il mezzo per ottenere tutto questo.

Possiamo anche non nascondercelo, lavarsi i denti correttamente, è molto difficile, a volte andiamo di corsa e lo facciamo fretta, altre volte piuttosto che pensare a come stiamo spazzolando, scarichiamo sui denti tutto lo stress accumulato in giornata, mentre altre volte non ce li laviamo proprio, per svariati motivi.

La realtà è che la maggior parte delle persone si lava i denti con la tecnica di spazzolamento sbagliata, e questo diminuisce molto l’efficacia dell’igiene dentale personale.

“Se tutti sapessero davvero come lavarsi i denti, la percentuale di persone con gengivite e parodontite non sarebbe così alta (il 47% della popolazione mondiale)”.

Questo perché le persone spesso vengono mal informate da chi dovrebbe informarle correttamente, partendo dal dentista di fiducia, o da chi ci ha insegnato a spazzolare, fino alle varie aziende, che con la pubblicità inventano qualche nuovo prodotto miracoloso da farci comprare.

Una cosa che non ti è stata mai spiegata prima, è la grande diversità tra la tecnica di spazzolamento “manuale” e quella “elettrica”, sia per intensità che per movimenti. Una mancata conoscenza di queste differenze, potrebbe causare dei traumi ai denti ed ai tessuti che li circondano, rendendo poco efficace lo spazzolamento.

Con entrambi i tipi di spazzolino poi, per rimuovere la placca in maniera adeguata, la durata dello spazzolamento rimane uno dei fattori determinanti.

 

Un lavaggio flash, non può valere qualitativamente, per definizione, come un lavaggio accurato. Pulirsi i denti velocemente può portare con il passare del tempo a dei problemi, anche lavandosi i denti 3 volte al giorni, la frequenza non compensa la durata ne la qualità dello spazzolamento. 

In questo lo spazzolino elettrico può esserti d’aiuto, perché con il timer interno che vibra ogni 30 secondi fino ai 2 minuti, otterrai il ritmo e le tempistiche per un corretto spazzolamento.

Andare sotto i 2 minuti, non permette un livello di pulizia tale da rimuovere correttamente la placca da tutte le superfici dei denti.

Nello spazzolino elettrico come in quello manuale poi, ci sono decine di testine che variano tra di loro per efficacia di spazzolamento, perché ognuna di esse ha una indicazione precisa, dalle più dure alle morbide, fino ad arrivare a forme e numeri di setole. 

La testina corretta, cosi come il tipo di spazzolino elettrico deve essere suggerita dal tuo dentista o igienista, che segue il tuo percorso di mantenimento domiciliare almeno 2 volte all’anno.

Ti stai chiedendo come mai a te prendendo uno spazzolino elettrico non è cambiato nulla? anzi ti sanguinavano di più le gengive, o avevi dei fastidi allo spazzolamento per cui hai preferito tornare a quello manuale?

Forse nessuno ti ha detto che in alcune situazioni di grande infiammazione passare ad uno spazzolamento come quello elettrico, può essere poco confortevole e potrebbe creare anche dei problemi.

In questi casi prima di passare all’elettrico, si deve ripristinare un buono stato di salute orale, con dei percorsi personalizzati dal dentista.

A prescindere dal tipo di spazzolino rimarranno sempre fattori, come la genetica, ad influire nella qualità del mantenimento che fai a casa, per questo nello studio preso in osservazione, i casi di parodontite grave non hanno evidenziato dei dati molto positivi con il cambiamento allo spazzolino elettrico.

La verità è che in alcuni casi la colpa non è tua, ne dello spazzolino che usi, tutto dipende da questi fattori, che devi solo cercare di tamponare con una corretta igiene orale quotidiana.

Abbiamo visto per esempio come un forte periodo di stress, possa indurre a problemi parodontali seri, sia con spazzolino manuale che elettrico.

Lo stress influisce direttamente sulle difese immunitari, abbassandole, mentre indirettamente, durante questi periodi, viene meno anche una corretta pulizia dei denti da parte della persona.

Abbiamo precedentemente affrontato le reazioni provocate dal fumo, dopo 10-15 sigarette al giorno, non sarà lo spazzolino elettrico che potrà evitare tutti i problemi.

Per cercare di combattere tutti i fattori negativi, che influiscono sulle malattie gengivali e parodontali, oltre ad uno spazzolino che ottimizzi il lavaggio, è altrettanto importante, avere le giuste istruzioni ed una continua motivazione ad effettuare ogni giorno le corrette manovre d’igiene domiciliare.

 

Ti faccio un elenco di tutte le convinzioni che di solito hanno le persone si presentano nel nostro studio e che anche tu potresti avere, che si basano sulle informazioni sbagliate che ti hanno dato finora:

– lo spazzolino che usi va benissimo;

–  il sanguinamento dalle gengive quando ti lavi i denti è  una cosa normale; 

-lavarti i denti più volte al giorno con spazzolino a setole dure, “ sembra che pulisca meglio”, senza interessarti delle recessioni gengivali o abrasioni ai denti causate dal trauma;

-puoi pensare che l’importanza dello spazzolino sia poca rispetto al dentifricio che usi;

-puoi prendere il primo spazzolino elettrico che ti capita, ritenendo che se la marca è la stessa gli spazzolini sono tutti uguali (senza valutare i differenti modelli);

-puoi continuare a pulirei denti orizzontalmente, massaggiando poi le gengive dall’alto verso il basso con lo spazzolino manuale, perché il tuo dentista ti ha detto di fare cosi, dicendoti che cosi “scende la gengiva”;

-puoi passare allo spazzolino elettrico, usandolo con la stessa tecnica di spazzolamento del manuale, pensando che cosi risolverai tutti i problemi in bocca;

-puoi comprare lo spazzolino elettrico per poi metterlo da parte, perché ti da fastidio sui denti che si muovono, senza far nulla per questa mobilità.

-puoi fare una pulizia dei denti quando te lo ricordi perché hai i fastidi dati da una scorretta igiene orale a casa, convinto che 20 minuti ogni 6 mesi possano risolverti tutto ciò che viene fatto in modo sbagliato per 365 giorni.

Puoi continuare a ritenere corretto tutto quello che ti hanno fatto credere fino ad oggi, oppure puoi iniziare a seguire un percorso di prevenzione, come quelli che proponiamo ai nostri pazienti, che garantiscano:

  • Iniziale studio del caso nello specifico, che scongiuri la presenza di problematiche gengivali, parodontali, etc.
  • Ripristino di una situazione di salute orale.
  • Training e kit specifico e personalizzato per migliorare al massimo l’igiene dentale personale.
  • Richiami programmati in studio.
  • Tutti gli strumenti necessari per un semplice e corretto metodo si spazzolamento.
  • Controlli per valutazione del mantenimento domiciliare.

 

Però prima di scegliere se affidarti o meno ad un percorso di prevenzione, devi sapere alcune cose: 

  • Per fare realmente prevenzione non basta vedersi 1/2 volte all’anno per togliere velocemente “il tartaro”;
  • Tu devi essere la prima persona ad essere motivata nel risolvere realmente il problema;
  • Prendere “sottogamba” problemi alle gengive potrebbe portare alla perdità dei denti per parodontite;
  • E’ fondamentale ricevere le istruzioni domiciliari corrette e personalizzate alla tua situazione, rimotivandoti nel tempo a seguirle con attenzione;
  • Per poter verificare lo stato di salute della tua bocca nel tempo, è necessario un percorso programmato di sedute e controlli, valutando le condizioni infiammatorie appuntamento dopo appuntamento ed agendo di conseguenza;
  • Una assistenza continua ad ogni tuo bisogno o dubbio, è parte integrante della terapia.

Per ricapitolare lo spazzolino elettrico secondo tutti i dati raccolti dalla letteratura scientifica, confermati poi dalla clinica quotidiana, è da preferire nella popolazione in generale, ma soprattutto in quei soggetti con scarse capacità manuali, come i bambini o gli anziani, e nei soggetti con predisposizione alle malattie parodontali e gengivali.

Oltre a questo per combattere completamente queste malattie è fondamentale un percorso di mantenimento ben organizzato nel tempo, per gestirle o per prevenirle.

Lo spazzolino elettrico da solo, non cura le malattie gengivali. 

Scegliendo di seguire un percorso di prevenzione con noi, avrai a disposizione tutti gli strumenti necessari. Eviterai di trovarti a gestire problematiche avanzate nella tua bocca, arrestandole già sul nascere. Godrai dei vantaggi di questo approccio negli anni, mantenendo cosi un vero stato di salute nella tua bocca.

Cosi come dimostrato dalle storie cliniche dei nostri pazienti.

“Ho sempre dato poca importanza al sanguinamento delle mie gengive, vedevo alcuni denti che si allungavano, ma finche non è iniziato il dolore forte non avevo mai fatto una visita specialistica per valutare la mia salute gengivale.
Una volta fatta la visita ho scoperto di avere delle serie problematiche parodontali (piorrea), con il rischio di perdere alcuni denti se non avessi fatto qualcosa urgentemente.
Cosi abbiamo iniziato subito il trattamento personalizzato per curare la parodontite.
Gia dopo pochi giorni ho avvertito una grande differenza, le mie gengive si sono sgonfiate e non sanguinavano più, il dolore che avevo era sparito, e dopo qualche mese anche le tasche erano finalmente guarite.
Vorrei ringraziare il Dr. Trimarchi ed il suo staff, per aver curato la mia malattia, grazie di aver risolto il mio problema e di avermi fatto passare la paura più grande, quella di “perdere i denti”.
A questo punto manca solo l’intervento estetico-gengivale per migliorare il mio sorriso, oggi finalmente IN SALUTE.
Grazie!”

Ilaria T

Contattaci per scoprire i nostri pacchetti prevenzione. Siamo a tua disposizione per tutte le informazioni necessarie sulla salute dei tuoi denti.

Richiedi informazioni

CONTATTACI ADESSO PER UNA PRIMA VISITA E SCOPRI IL TUO LIVELLO DI SALUTE GENGIVALE