IGIENE PROFESSIONALE

Cosa si intende per igiene orale?

L’igiene orale è quella branca dell’odontoiatria che si occupa di mantenere basso, il numero di batteri patogeni nella bocca dei nostri pazienti, in modo che questi non possano causare danni ai denti, alle gengive, alle mucose orali ed all’osso di sostegno dei denti.

Fanno parte di questo ambito alcuni aspetti cosmetici come lo sbiancamento dei denti e l’eliminazione delle macchie dentali causate da vari pigmenti lasciati dal fumo di sigaretta e da alcune bevande.

Chi si occupa di igiene orale?

L’igiene orale dei pazienti può essere gestita direttamente dall’odontoiatra o dall’igienista dentale, professionista che si dedica esclusivamente a questa branca con un elevato grado di specializzazione.

Perché l’igiene orale, deve essere gestita da un professionista, diversamente dalle altre parti del corpo?

Nella quotidianità ognuno di noi si occupa dell’igiene della propria bocca, questa però ha alcune particolarità:

  • La bocca ha un’anatomia con zone difficilmente accessibili, dove rimane complicato effettuare delle perfette manovre d’igiene quotidiana; gran parte delle persone, per questo motivo, accumula tartaro sui denti, nonostante li spazzoli regolarmente
  • La carica batterica in bocca è molto elevata e per questo deve essere costantemente controllata, mantenendo i livelli entro di
  • I denti, a differenza del resto nostro organismo, non hanno un meccanismo di rinnovamento della propria struttura e non si auto difendono mediante sistema immunitario, visto che tranne il tessuto pulpare interno, il dente non è irrorato dal circolo sanguigno. Per questi due motivi, rappresentano la “casa” ideale per i batteri che vivono all’interno del cavo orale
  • Spesso, infine, nelle bocche dei pazienti si trovano manufatti protesici che rendono ancor più difficile le manovre di pulizia o sono, come gli impianti in titanio, estremamente suscettibili all’attacco dei batteri, richiedendo un’igiene molto più accurata dei denti naturali.

Queste situazioni rendono fondamentale, il ricevere, da parte di un professionista, accurate istruzioni all’igiene orale quotidiana, ed al suo mantenimento con dei richiami periodici in studio.  

Tartaro e la placca, come distinguerli?

La placca è un biofilm creato dai batteri patogeni, situati nella nostra bocca, che rimangono tenacemente uniti tra loro e alle superfici dentali. Questa stessa placca può causare dei gravi danni come la carie e la malattia parodontale.

La deposizione dei molti sali minerali della nostra saliva, nella placca batterica, ne causano la calcificazione, e la successiva trasformazione in tartaro.

A differenza della placca, che può essere ancora rimossa con un accurato spazzolamento, il tartaro deve necessariamente essere rimosso periodicamente da un professionista.

Spesso infatti il tartaro trascurato si insinua al di sotto delle gengive, diventando una “ritenzione” per il biofilm, che in questa zona sotto gengivale causa gravissimi danni all’apparato di supporto del dente, portando a Malattia Parodontale.

Come viene gestita l’igiene orale da un professionista?

Durante una seduta d’igiene orale, che necessita mediamente di un ora per essere completata, l’igienista dovrà per prima cosa comprendere il livello d’igiene orale del paziente, cosi da poter dare le dovute istruzioni all’igiene domiciliare, con dimostrazioni dei vari campioni di filo interdentale, scovolini, pastiglie rivelatrici di placca, spazzolino elettrico. 

Dopo la “chiacchierata motivazionale”, si passerà al pratico, quindi alla rimozione di tutti gli accumuli di tartaro mediante strumenti ultrasonici e manuali, per poi passare alla rimozione delle macchie con dei getti di bicarbonato o glicina, e delle paste lucidatrici poi. Al termine della parte pratica verrà poi spiegato al paziente l’importanza del fare prevenzione, partecipando ai richiami periodici d’igiene professionale, programmati con lo studio.

Per ulteriori informazioni contattaci: